DSA Disturbi Specifici dell’Apprendimento
342
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-342,page-child,parent-pageid-555,bridge-core-1.0.4,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

DSA disturbi specifici dell’apprendimento

I Disturbi Specifici* dell’Apprendimento (DSA) sono disturbi evolutivi innati che coinvolgono in modo specifico una o più abilità scolastiche (lettura, scrittura, calcolo) legate all’apprendimento.

Recenti stime hanno rilevato una prevalenza di tali disturbi nella popolazione italiana in età evolutiva che va dal 2,5 al 3,5%.

Il *termine “specifico” merita una riflessione, necessaria per capire meglio di cosa parliamo: essi sono infatti disturbi che coinvolgono esclusivamente le competenze strumentali degli apprendimenti e non il funzionamento intellettivo del bambino/ragazzo.

In base al tipo di abilità che si riscontra deficitaria si parla di:

  • dislessia – disturbo nella lettura
  • disortografia – disturbo nella scrittura
  • disgrafia – disturbo nella grafia
  • discalculia – disturbo nelle abilità numeriche e di calcolo

Ciò che contraddistingue questi disturbi è la loro persistenza cioè il fatto che continuino ad esistere e quindi a manifestarsi anche in seguito a interventi riabilitativi. Per questo si parla molto spesso di “caratteristica cognitiva”. Essi però si manifestano con caratteristiche differenti nel corso della vita e delle fasi di apprendimento, hanno cioè un’evoluzione spontanea.

La caratteristica che accomuna questi disturbi (indipendentemente dallo specifico deficit) è l’impossibilità di automatizzare il processo chiamato in causa, nonostante l’esercitazione e l’allenamento. E’ un po’ come se “lo facessero sempre per la prima volta…” E’ facile intuire il loro forte impatto sulla carriera scolastica dei bambini/ragazzi coinvolti e non solo, anche sul loro benessere e sulla loro autostima.

Ecco che diventa fondamentale allora identificarli il prima possibile, intervenendo attraverso tecniche riabilitative (a casa), compensative (a casa e a scuola) e dispensative (a scuola), garantite dalla legge Legge 170 – 8 ottobre 2010 (Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico).

Oggi si sa infatti che più precoce e tempestivo è l’intervento e migliore è la loro evoluzione, ma un  buon intervento è possibile solo grazie ad una diagnosi precoce prevista per alunni della scuola primaria e secondaria.

Albero di Psiche offre:

All’interno dello studio vengono effettuate valutazioni e diagnosi di DSA attraverso la somministrazione di test cognitivi, di apprendimento scolastico e di approfondimento neuropsicologico, così come prevedono le Linee Guida  della Consensus Conference nazionale.

Il percorso riabilitativo ha l’obiettivo di potenziare le capacità del bambino nelle aree di maggior fragilità, fornendo le competenze nell’utilizzo di strumenti compensativi per raggiungere l’autonomia nello studio a casa e favorire uno sviluppo psicofisico armonico ed il benessere scolastico.

 

D.M 12/07/2011

Questo sito usa cookie necessari a garantirne il funzionamento ottimale e cookie utili per le ulteriori finalità illustrate nella pagina info. Per accettarne esplicitamente l'uso puoi chiudere questo banner, scorrere la pagina, cliccare su un link o proseguire la navigazione in altra maniera. Info Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi