Disturbi Sessuali
528
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-528,page-child,parent-pageid-122,bridge-core-1.0.4,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Disturbi Sessuali

disturbi sessuali vengono comunemente suddivisi in tre categorie distinte:

  • Disfunzioni sessuali: sono disturbi che ostacolano o impediscono il rapporto sessuale;
  • Parafilie: ricorrenti e intensi impulsi, fantasie o comportamenti sessuali che coinvolgono oggetti, attività o situazioni non comuni (oggetti o esseri non umani, ricevere e/o infliggere un’autentica sofferenza fisica, umiliare se stessi o il proprio partner), oppure bambini o altre persone non consenzienti;
  • Disturbi dell’identità di genere (identificazione intensa e costante con il sesso opposto e malessere rispetto al proprio sesso biologico).

Le disfunzioni sessuali sono le più comuni, anche se solo una piccola parte delle persone che ne sono affette si rivolge ad uno specialista per curarsi.

Le disfunzioni sessuali sono:

  • Disturbo da desiderio ipoattivo (il desiderio sessuale è assente o molto basso);
  • Avversione sessuale (sentimenti di ripugnanza nei confronti dell’attività sessuale e/o verso gli organi sessuali);
  • Disturbo dell’eccitazione sessuale femminile (mancanza di eccitazione e di attivazione sessuale);
  • Disturbo maschile dell’erezione (disfunzione erettile o ‘impotenza’ ovvero incapacità di raggiungere o di mantenere fino al completamento dell’attività sessuale un’adeguata erezione);
  • Disturbo dell’orgasmo femminile (ricorrente ritardo o assenza dell’orgasmo dopo una fase normale di eccitazione sessuale)
  • Disturbo dell’orgasmo maschile (eiaculazione ritardata o ricorrente ritardo o assenza dell’orgasmo dopo una fase normale di eccitazione sessuale);
  • Eiaculazione precoce (incapacità di controllare l’eiaculazione così che questa avviene prima che il rapporto sessuale sia concluso o, comunque, soddisfacente);
  • Eiaculazione tardiva (nonostante la persona abbia una adeguata stimolazione sessuale e un desiderio a eiaculare non è in grado di portare a termine il rapporto sessuale);
  • Eiaculazione dolorosa (una infezione della prostata che può causare dolore durante l’atto eiaculatorio);
  • Dispareunia(dolore genitale durante il rapporto sessuale);
  • Vaginismo(ricorrenti o persistenti contrazioni involontarie dei muscoli all’ingresso della vagina quando si tenta la penetrazione vaginale con pene, dita, tamponi o speculum);
  • Fobie sessuali.

Le cause delle disfunzioni sessuali di natura fisica possono essere:

  • squilibri ormonali (soprattutto nelle donne in età vicina alla menopausa);
  •  il diabete;
  • l’abuso prolungato di alcol (entrambi legati alle disfunzioni erettili negli uomini);
  • disturbi neurologici;
  • effetti collaterali di alcuni farmaci.

Ma le cause più comuni delle disfunzioni sessuali sono di natura psicologica:

  • l’ansia da prestazione;
  • il timore della gravidanza o della trasmissione di malattie virali;
  • la depressione;
  • le idee distorte relative al sesso;
  • i pregiudizi di tipo religioso o morale;
  • problemi relazionali. È evidente come le dinamiche di coppia abbiano un impatto rilevante nella vita sessuale.

È sempre importante escludere, con esami medici specifici (urologici o ginecologici), la presenza di eventuali disfunzioni organiche. Una volta accertata la funzionalità fisica degli organi, il problema dovrà essere affrontato sul piano psicologico; spesso, infatti, una buona psicoterapia permette di superare con relativa facilità questo tipo di problemi.

Il trattamento delle disfunzioni sessuali.

Generalmente, la prognosi delle disfunzioni sessuali è molto buona e con terapie sessuali brevi si ottengono elevati tassi di successo in tempi ridotti.

È stato dimostrato che i migliori risultati derivano proprio dall’applicazione delle tecniche di terapia cognitivo comportamentale ad ogni specifico disturbo, applicate con la ristrutturazione cognitiva dei pensieri disfunzionali legati al sesso, talvolta in associazione con la somministrazione appropriata di farmaci (prescritti dal medico). Tali tecniche consistono in esercizi volti ad ottenere un ri-addestramento graduale alle abilità compromesse da svolgere “passo-dopo-passo” individualmente o preferibilmente in coppia.

Sono senz’altro utili anche i self-help book e, laddove possa risultare utile, il counseling di coppia, al fine di far emergere dinamiche che possono aver determinato la difficoltà per la coppia a vivere una vita sessuale pienamente soddisfacente.

Questo sito usa cookie necessari a garantirne il funzionamento ottimale e cookie utili per le ulteriori finalità illustrate nella pagina info. Per accettarne esplicitamente l'uso puoi chiudere questo banner, scorrere la pagina, cliccare su un link o proseguire la navigazione in altra maniera. Info Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi